CardioPreventariab.it
ACC Meeting
American Heart Association
Associazione Silvia Procopio

Idraparinux versus Warfarin nella prevenzione degli eventi tromboembolici nei pazienti con fibrillazione atriale

Idraparinux è risultato efficace quanto il Warfarin ( Coumadin ), un antagonista della vitamina K, nel ridurre l’ictus e gli eventi embolici, nei pazienti affetti da fibrillazione atriale.

Lo studio AMADEUS, che ha arruolato 4.576 pazienti con fibrillazione striale, ha incontrato l’endpoint primario.
L’incidenza di ictus totale ( ictus ischemico, ictus emorragico ed ictus non definito ) e di embolia sistemica non a livello del sistema nervoso centrale è stata dello 0.9% con Idraparinux e 1.3% con Warfarin ( p=0.007 ), incontrando i criteri di non-inferiorità.

L’incidenza di sanguinamento clinicamente rilevante ( endpoint primario di sicurezza ) è risultata significativamente più elevata nel gruppo Idraparinux che nel gruppo di confronto ( 19.7% versus 11.3%; pIl sanguinamento è risultato più pronunciato nei pazienti con alterata funzione renale e nell’anziano.
Pertanto, sulla base delle caratteristiche del paziente con fibrillazione atriale può risultare necessario prendere in considerazione la riduzione del dosaggio di Idraparinux.

Lo studio è stato interrotto precocemente a causa dello sbilanciamento tra eventi emorragici e bassa incidenza di eventi.

Idraparinux è un inibitore del fattore Xa della coagulazione, che necessita di somministrazione settimanale per via sottocutanea. ( Xagena2007 )

Fonte: XXIst International Society on Thrombosis and Haemostasis ( ISTH ), 2007

Cardio2007 Farma2007


Indietro