52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Euro Heart Survey on Atrial Fibrillation: follow up ad 1 anno


L’ Euro Heart Survey sulla fibrillazione atriale ha arruolato 5.333 pazienti affetti da questa aritmia sopraventricolare nel periodo 2003-2004.

I dati di follow-up ad 1 anno erano disponibili per l’80% dei pazienti.

Tra i pazienti con fibrillazione atriale di prima individuazione, il 46% non ha presentato nessuna recidiva durante il primo anno; la fibrillazione atriale parossistica è rimasta nella maggioranza dei casi parossistica; il 30% della fibrillazione striale parossistica è progredita verso la forma permanente.

L’anticoagulazione orale è stata iniziata nel 19% dei pazienti ed interrotta nel 16%.

Tra i pazienti in cui inizialmente era stato adottato l’approccio controllo del ritmo, il 27% non ha ricevuto il controllo del ritmo durante il periodo di follow-up, mentre per il 15% dei pazienti inizialmente trattati con farmaci per il controllo della frequenza, è stato adottato l’approccio controllo del ritmo.

L’incidenza di mortalità è stata più alta tra i pazienti con fibrillazione atriale permanente ( 8.2% ), ma è risultata alta anche tra i pazienti con fibrillazione atriale di prima individuazione ( 5.7% ).

All’analisi multivariata, il ritmo sinusale al basale era associato ad una più bassa mortalità, ma nessun significativo effetto è stato osservato riguardo all’applicazione del controllo del ritmo o del controllo della frequenza. ( Xagena2008 )

Nieuwlaart R et al, Eur Heart J 2008; 29: 1181-1189


Cardio2008


Indietro