Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Fibrillazione atriale: poche differenze tra il controllo della frequenza ed il controllo del ritmo cardiaco


Lo studio AFFIRM ( Atrial Fibrillation Follow-up Investigation of Rhythm Management ) ha confrontato due strategie terapeutiche nel management della fibrillazione atriale: il controllo della frequenza cardiaca con beta-bloccanti o il controllo del ritmo cardiaco con farmaci antiaritmici.
I pazienti che hanno preso parte allo studio avevano un'età di 65 anni o superiore, o inferiore ai 65 anni, ma con presenza di fattori di rischio per l'ictus.
La fibrillazione atriale doveva avere una durata totale, superiore o uguale a 6 ore, in uno o più episodi, negli ultimi 6 mesi.
Tutti i pazienti hanno assunto una terapia anticoagulante.
Non è stata osservata alcuna differenza tra i due gruppi, quello del controllo della frequenza e quello del controllo del ritmo cardiaco.
Invece si è visto, anche se il dato manca di significatività statistica, una tendenza in favore del gruppo che assumeva il beta-bloccante per il della frequenza cardiaca nella riduzione dell'ictus ischemico, dell'ictus invalidante, dell'ospedalizzazione e dell'insorgenza di nuove aritmie.
Un numero maggior di pazienti nel gruppo che assumeva farmaci antiaritmici, ha dovuto interrompere la terapia anticoagulante.
Lo studio AFFIRM è stato presentato al: 51st Annual Scientific Session of the American College of Cardiology 2002. ( Xagena 2002 )


Indietro