Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Il sovrappeso e l’obesità sono fattori di rischio per la fibrillazione atriale e flutter atriale


Uno studio coordinato da Ricercatori del Dipartimento di Cardiologia dell’Aarhus University Hospital in Danimarca, ha esaminato l’associazione tra l’indice di massa corporea ( BMI ) ed il rischio di diagnosi ospedaliera di fibrillazione atriale o flutter atriale.

Lo studio è stato condotto tra il dicembre 1993 ed il dicembre 2001, ed ha interessato 47589 partecipanti, di cui il 47,2% uomini, senza una preesistente malattia cardiovascolare o endocrina e di età media al basale di 56 anni.
I pazienti facevano parte del Danish Diet, Cancer and Health Study.

Nel corso del follow-up ( in media 5,7 anni ) la fibrillazione atriale o il flutter atriale si è sviluppato in 553 soggetti, di cui il 67,2% uomini.

L’hazard ratio per la fibrillazione atriale o il flutter per unità di aumento dell’indice di massa corporea ( BMI ) è risultato uguale ad 1,08 negli uomini e a 1,06 nelle donne.

Quando il sovrappeso è stato confrontato con il peso normale, il rischio di fibrillazione o di flutter atriale è salito a 1,75 per gli uomini e a 1,39 per le donne.

Il rischio è risultato ancora più alto nei soggetti obesi: 2,35 per gli uomini ed 1,99 per le donne.

Questo studio ha dimostrato che il sovrappeso e l’obesità sono associate ad un aumento del rischio di fibrillazione o flutter atriale.( Xagena_2005 )

Frost L et al, Am J Med 2005; 5: 489-495

FibrillazioneAtriale.net

MedicinaNews.it


Indietro