52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Studio PIPAF: Propafenone versus Ibutilide nel trattamento della fibrillazione atriale dopo intervento cardiochirurgico


Uno studio pilota prospettico è stato compiuto in 2 centri Usa, Hoffman Heart Institute of Connecticut e al Saint Francis Hospital and Medical Center di Hartfort, dal marzo 1998 al febbraio 1999.

Lo scopo è stato quello di valutare gli effetti dell'impiego precoce dell'Ibutilide e del Propafenone sulla durata della fibrillazione atriale e sulla durata della permanenza nell'ospedale.

Un totale di 42 pazienti con fibrillazione atriale dopo operazione cardiochirurgica è stato randomizzato a ricevere Propafenone per os ( 600mg in una singola dose; n=20 ) Ibutilide ( 1mg e fino a 2mg se necessario; n=10 ) o solamente il controllo della frequenza ( n=12 ).

I farmaci da impiegare per il controllo della frequenza sono stati lasciati alla libera scelta dei centri, anche se è stato incoraggiato l'uso dei beta-bloccanti.

A 24 ore la percentuale dei pazienti rimasti in fibrillazione atriale è stata: 0% nel gruppo Ibutilide , 65% nel gruppo Propafenone e 34% nel gruppo controllo della frequenza .

La percentuale di recidive è invece stata : 90% nel gruppo Ibutilide, 41% nel gruppo Propafenone e 58% nel gruppo controllo della frequenza.

I dati dello studio indicano che la fibrillazione atriale post-operatoria è transitoria e l'impiego dei farmaci antiarimici non è necessaro nella maggior parte dei pazienti. ( Xagena 2003 )

Soucier R J et al, Med Sci Monit 2003; 9:PI19-PI23

XagenaFarmaci_2003


Indietro