Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Variazioni stagionali nei ricoveri ospedalieri e nella mortalità per fibrillazione atriale


Una ricerca coordinata dal Dipartimento di Cardiologia del Western Infirmary di Glasgow ha avuto come obiettivo quello di verificare l'esistenza di una variabilità stagionale nell'ospedalizzazione e nella mortalità dovuta a fibrillazione atriale.

Lo studio è stato effettuato sui dati di morbidità e di mortalità dell'intera popolazione della Scozia.

Nel periodo compreso tra il 1990 ed il 1996, 33.582 uomini e 34.463 donne sono state ospedalizzate a causa della fibrillazione atriale.

I ricoveri sono stati maggiori durante l'inverno rispetto all'estate ( p < 0.0001 ).

Tra le donne, il picco di ricoveri ospedalieri ( 106 per giorno ) si è avuto nel mese di dicembre ( 12% in più della media ), mentre il numero più basso ( 89 per giorno ) si è avuto in giugno ( 6% in meno rispetto alla media ).
Per gli uomini, invece, i rispettivi valori sono stati 10% in più ( 101 ) e 2% in meno ( 90 ).

Per entrambi i sessi, la maggiore variazione si è presentata nei pazienti di età superiore ad 85 anni, con un picco invernale del 35-39% in più della media.

Il numero medio di uomini deceduti durante il mese di dicembre è risultato più alto del 22%, mentre ad agosto si è avuta una riduzione del 12%.

Nelle donne, invece, ci sono stati un 28% di decessi in più nel mese di dicembre ed un 14% in meno nel mese di agosto ( p < 0.001 ).

Il picco invernale di ricoveri per fibrillazione atriale, tuttavia, non ha coinciso con le temperature più fredde.

Secondo gli Autori, le infezioni respiratorie possono essere responsabili della maggiore ospedalizzazione per fibrillazione atriale. ( Xagena_2004 )

Murfhy N F et al, Int J Cardiol 2004; 97: 283-288


FibrillazioneAtriale.net

MedicinaNews.it


Indietro